L’ambiente

La conca di Oropa costituisce la suggestiva cornice ambientale e paesaggistica in cui si situano il complesso del Santuario e del Sacro Monte. La zona è stata segnalata nell’ambito degli studi realizzati per lo sviluppo del Progetto Bioitaly del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio quale Sito di interesse regionale.

Le pendici dei monti (che raggiungono la quota di 2335 m del Monte Mucrone, di 2388 m del Monte Camino – massima elevazione della vallata – e di 2374 m del Monte Rosso) che racchiudono la Conca sono ricoperti nelle parti più alte da estese praterie a nardo con arbusteti ad ontano e rododendro che degradano a valle alternandosi a formazioni di betulla su prati e pascoli abbandonati. Alcune aree tra i 1600 ed i 1700 metri di quota sono interessate da popolamenti di pino uncinato di origine antropica.

L’area del Santuario e del Sacro Monte è circondata da formazioni forestali in cui predomina il faggio a volte puro, in alcuni casi mescolato con acero di monte e frassino verso le quote inferiori e con maggiociondolo e sorbo degli uccellatori più in alto. 

Particolarmente ricca d’acqua, la valle prende il nome dell’omonimo Torrente che nasce dal Lago del Mucrone (1902 m), sia superficiale che sotterranea (sono qui presenti sorgenti che alimentano l’acquedotto della città di Biella). Altri piccoli laghi (Mora, Rosso) e un numero altissimo di zone umide (torbiere d’alta quota) costellano la Riserva, connotando uno dei motivi che ha concorso per l’istituzione dell’Area protetta: la ricchezza degli ambienti umidi.

 

© Copyright Ente di Gestione dei Sacri Monti 2013. All rights reserved.