Morfologia

La Valle Oropa è una valle di origine glaciale, cioè modellata dai ghiacciai alpini che, nel Pleistocene, tra 10.000 e 70.000 anni fa, avevano uno sviluppo molto più ampio di quello attuale ed arrivavano fino all'alta Pianura Padana.
Il ghiacciaio che era giunto ad occupare tutta l'alta valle Oropa, si attestava fra il Monte Mucrone ed il Monte Rosso, nella depressione che attualmente ospita il Lago del Mucrone e che allora costituiva un ampio circo glaciale circondato da ripide pareti. 
Gli strati nevosi, soggetti a costipamento e ricristallizzazione, originavano dapprima il nevato e quindi il ghiaccio vero e proprio, che dal circo iniziava il lento discendere verso valle.

Con il costante ed incessante scorrere del ghiacciaio, che nei periodi di massima espansione raggiungeva la parte bassa della conca di Oropa (1150 m) con un percorso di circa 3 chilometri, la valle originaria progressivamente si allargò fino ad assumere l'attuale conformazione ad U, tipica delle valli modellate dai ghiacciai.
Durante la naturale sequenza di “pulsazioni” il ghiacciaio oropeo iniziò a depositare il materiale detritico trasportato fino a formare accumuli sui fianchi ("morene laterali") o sul fronte ("cordone morenico"). I successivi momenti di avanzata e di arretramento del ghiacciaio hanno portato alla creazione di un complesso "anfiteatro morenico", formato da tre principali serie di depositi ("morene stadiali") su cui sono state cotruite le Cappelle del Sacro Monte. 
Successivi cambiamenti climatici hanno poi fatto arretrare sempre più il ghiacciaio, conservatosi a lungo nella conca del L. del Mucrone, grazie all'esposizione più riparata della zona. In seguito anche questo piccolo lembo glaciale è scomparso, lasciando però le sue tracce nelle “rocce montonate”, cioè levigate e smussate dal movimento del ghiaccio, e nei grandi massi erratici, disseminati qua e là.

© Copyright Ente di Gestione dei Sacri Monti 2013. All rights reserved.